ricerca
avanzata

Tempo e linguaggio

di Filippo Costa edito da ETS, 2001

Informazioni bibliografiche del Libro

 

Il volume è un testo ermeneutico a forte valenza teoretica, che usa ingredienti logico-formali coniugandoli ad un linguaggio esistenziale. Il testo assume una grande quantità di materiali oltrepassando il loro dettato mediante scarti interpretativi e costruttivi, che inseguono le nozioni cifrate nel titolo, mediante una serie di centri di riflessione e meditazione, il cui raccordo analitico fornisce una tessitura aperta; abbiamo così un’estrema varietà di indicazioni, la cui impronta originale sembra non avere avuto, neanche lontanamente, la risonanza che meriterebbe (ma in Italia l’accademia filosofica istituzionalmente, al di là della presenza di autori di indubbio rilievo, è muta, sorda e cieca, e incarna nel modo più sublime lo spirito farisaico più spietato che abbia animato qualunque élite di potere negli ultimi decenni). Tornando a Costa, quello che sorprende è il costante progresso della sua vena creativa, che in un’età relativamente molto avanzata ha raggiunto il culmine di un esuberante impeto giovanile, il quale lascia presagire sviluppi ulteriori. Devo anche dire, purtroppo, che Costa stesso non sembra avere fatto caso, nemmeno con una civile risposta, alle segnalazioni della mia produzione - che racchiude fra l’altro un volume teoretico pubblicato nel ’Giornale di metafisica’ (ed uscito in verità dopo dette segnalazioni) ed altri volumi a carattere speculativo. Comprendo tuttavia che questo grande autore è impegnato in quel compito della propria sopravvivenza, che deve renderlo distratto a vari propositi - per cui, erroneamente, rischia di essere omologato in relazione al farisaismo di cui sopra. Un discorso tecnico su quest’opera dovrà però essere rimandato ad un’altra sede e ad un’altra occasione.

Recensione Unilibro a cura di paololandi31@alice.it

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "Tempo e linguaggio"

Dello stesso autore: Costa Filippo

-20%

Logica e verità. Vol. 2: La verità trascendente libro di Costa Filippo
Logica e verità. Vol. 2: La verità trascendente
libro di Costa Filippo 
edizioni ETS collana Filosofia;
€ 12,00

-20%

Struttura e genesi dell'enunciato filosofico libro di Costa Filippo
Struttura e genesi dell'enunciato filosofico
libro di Costa Filippo 
edizioni ETS collana Biblioteca di teoria;
€ 12,91
La totalità differita. Metafisica ed esistenza in Kant libro di Costa Filippo
La totalità differita. Metafisica ed esistenza in Kant
libro di Costa Filippo 
edizioni Franco Angeli collana Lavoro filosofico;
€ 43,50
Ermeneutica ed esistenza. Saggio su Kierkegaard libro di Costa Filippo
Ermeneutica ed esistenza. Saggio su Kierkegaard
libro di Costa Filippo 
edizioni ETS collana Filosofia;
€ 10,00
Intersoggettività e linguaggio libro di Costa Filippo
Intersoggettività e linguaggio
libro di Costa Filippo 
edizioni ETS collana Biblioteca di teoria;
€ 9,30
Tra mito e filosofia. Bultmann e la teologia contemporanea libro di Costa Filippo
Tra mito e filosofia. Bultmann e la teologia contemporanea
libro di Costa Filippo 
edizioni D'Anna collana Biblioteca di cultura contemporanea;
€ 18,40
Potrebbero interessarti anche questi prodotti
Evoluzionismo e comunicazione. Nuove ipotesi sulla selezione naturale nei linguaggi animali e umani libro di Falzone Alessandra
Evoluzionismo e comunicazione. Nuove ipotesi sulla selezione naturale nei linguaggi animali e umani
libro di Falzone Alessandra 
edizioni CORISCO
disponibilità immediata
€ 9,00

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "Tempo e linguaggio"

 
Le Recensioni degli Utenti Unilibro
"Tempo e linguaggio"
Lettera aperta a Filippo Costa
paololandi31@alice.it, 2007-12-28
3

Il volume è un testo ermeneutico a forte valenza teoretica, che usa ingredienti logico-formali coniugandoli ad un linguaggio esistenziale. Il testo assume una grande quantità di materiali oltrepassando il loro dettato mediante scarti interpretativi e costruttivi, che inseguono le nozioni cifrate nel titolo, mediante una serie di centri di riflessione e meditazione, il cui raccordo analitico fornisce una tessitura aperta; abbiamo così un’estrema varietà di indicazioni, la cui impronta originale sembra non avere avuto, neanche lontanamente, la risonanza che meriterebbe (ma in Italia l’accademia filosofica istituzionalmente, al di là della presenza di autori di indubbio rilievo, è muta, sorda e cieca, e incarna nel modo più sublime lo spirito farisaico più spietato che abbia animato qualunque élite di potere negli ultimi decenni). Tornando a Costa, quello che sorprende è il costante progresso della sua vena creativa, che in un’età relativamente molto avanzata ha raggiunto il culmine di un esuberante impeto giovanile, il quale lascia presagire sviluppi ulteriori. Devo anche dire, purtroppo, che Costa stesso non sembra avere fatto caso, nemmeno con una civile risposta, alle segnalazioni della mia produzione - che racchiude fra l’altro un volume teoretico pubblicato nel ’Giornale di metafisica’ (ed uscito in verità dopo dette segnalazioni) ed altri volumi a carattere speculativo. Comprendo tuttavia che questo grande autore è impegnato in quel compito della propria sopravvivenza, che deve renderlo distratto a vari propositi - per cui, erroneamente, rischia di essere omologato in relazione al farisaismo di cui sopra. Un discorso tecnico su quest’opera dovrà però essere rimandato ad un’altra sede e ad un’altra occasione.