ricerca
avanzata

Il ventre di Napoli. E-book. Formato EPUB

Un ebook di  Serao Matilde  edito da Scrivere Edizioni, 2012

Le strade sono luride e le case fatiscenti. Nei vicoli si agitano mercanti di avanzi ed agenzie di pegni. Questo è il "ventre di Napoli", la vita delle strette stradine ove il Sole più non arriva e, con esso, anche le istituzioni, cieche di fronte ad una realtà abbastanza aberrante e lontane dal puzzo mefitico dei liquami che si espandono per le viuzze dissestate.
In questi stessi ricettacoli di insanità, a fianco della miseria vive anche l'umanità, la pietà degli umili per gli umili, la carità, le vane speranze del gioco d'azzardo, il lotto, la pizza e il mandolino, le botteghe delle arti impareggiabili nel mondo.
Matilde Serao ha percorso queste stradine, andando a fare la conoscenza diretta con la miseria, andando lì dove i sindaci e il Governo non passano mai, contenti della gioia che riempie gli occhi di chi transita per via Caracciolo, contenti di vedere il bel panorama, di visitare Posillipo, di apprezzare i lati pittoreschi della città partenopea.
"Il ventre di Napoli" è un'opera storica ed essenziale per comprendere, e soprattutto per amare, la Napoli di oggi ed i suoi problemi, molti dei quali mutati di poco da quando la Serao li ha rappresentati all'inizio del '900.

Matilde Serao è stata una scrittrice e giornalista italiana, protagonista del rinnovamento della letteratura e del giornalismo italiano negli anni cruciali tra Ottocento e Novecento. Oltre ad aver lavorato intensamente come giornalista, fu autrice di settanta fra romanzi e raccolte di racconti, la maggior parte di impronta verista. È stata la prima donna italiana ad aver fondato e diretto un quotidiano, Il Mattino di Napoli.

1
4

Informazioni bibliografiche

 
Le Recensioni degli Utenti Unilibro
"Il ventre di Napoli. E-book. Formato EPUB"
Umberto Schioppo, 2012-04-10
4

Un classico che non muore mai. Una guida ancora tutt’oggi esatta che ci porta tra le strade della Napoli di fine Ottocento ed inizio Novecento. Una storia che sa di realtà e di verità. Una fedele ricostruzione della vita e delle abitudini di una città che in quegli anni, appariva agli occhi della stessa scrittrice, arretrata e sempre più ancorata ad abitudini millenarie. Chi legge " Il ventre di Napoli" si troverà tra le strade di "Forcella" a mangiare una pizza al volo o a pregare davanti ad uno dei vari "altarini", tanto cari al popolo napoletano. Un popolo che nelle sue immense contraddizioni, non riesce però a non farsi amare. Un popolo che anche nelle difficoltà, riesce sempre ad alzare la testa. Un libro che permette, da un punto di vista storiografico, di poter apprendere con maggiore attenzione, abitudini ormai perdute, come quelle del "vaccaro" che al mattino, camminava tra le strade di Napoli, per consegnare il latte appena munto. Scritto in tre epoche diverse, distribuite nell’arco di vent’anni, il libro ha voluto essere un faro per il governo dell’epoca, troppo spesso insensibile alle necessità di una città troppo spesso additata come dannata.