ricerca
avanzata

Tempi difficili. Per questi tempi

di Charles Dickens Cifarelli M. R. (cur.) edito da Einaudi, 1999

Informazioni bibliografiche del Libro

 

"Non amare Dickens è un peccato mortale: chi non lo ama non ama nemmeno il romanzo" scrive Pietro Citati. Infatti Dickens fu amato da Tolstoj e Dostoevskij, da Conrad e Joyce, da Kafka ed Henry James che, si racconta, messo in punizione dalla madre e costretto a starsene a letto, dal letto discese, discese le scale che portavano al salotto, nel salotto s’acquattò sotto il tavolo, celato in segreto mentre, zitto, ascoltava la cugina maggiore leggere il "David Copperfield". Henry James fu trascinato dal letto a sotto la tavola dalle parole di questo dispensiere d’imbrogli, da questo truffaldino onestissimo che, certo, spaccia a buon mercato sentimenti onestissimi e che non riesce mai, davvero mai, a dare ragione al Male e a chi ha torto (com’è delle favole, com’è dei racconti più cari) ma che, sia detto con merito, in quanto a capacità di racconto, d’invenzione fantastica che si chiarifica per enorme quantità di particolari minuti, non è secondo a nessuno. Tant’è che fu amato dagli scrittori suddetti quanto fu amato da un popolo, quello britannico, che accorreva all’uscita d’ogni puntata d’ogni sua storia. Non fa eccezione questo "Tempi difficili" ch’è prodigio dolcissimo, dolcissima favola nera. Una fanciulla, un padre che si fa ombra, l’educazione che ella si merita sono apparenti argomenti, scuse, puerili strumenti per fare racconto: ciò che Dickens tratta, con maestria insuperabile, è il confronto tra l’arte fantastica (ed il diritto sacrosanto ai sogni) e l’asciutta, secca, ingrigita realtà dei numeri, delle formule, di un ordine che non fa che dare ordini. Terminerà com’è giusto che termini, dopo pagine di un’incantevole prosa.

Recensione Unilibro a cura di Alex Toppi

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "Tempi difficili. Per questi tempi"

Dello stesso autore: Dickens Charles; Cifarelli M. R. (cur.)
Tempi difficili libro di Dickens Charles Cifarelli M. R. (cur.)
Tempi difficili
libro di Dickens Charles  Cifarelli M. R. (cur.) 
edizioni Einaudi collana Einaudi tascabili. Classici;
€ 13,00
Potrebbero interessarti anche questi prodotti

-15%

Il processo. Ediz. integrale libro di Kafka Franz
Il processo. Ediz. integrale
libro di Kafka Franz 
edizioni Demetra collana Passepartout;
consegna in 24 ore
€ 5,90
€ 5,02
Gustavo Rol. La coscienza del sublime. L'incontro con la poetessa Elda Trolli Ferraris libro di Giordano M. L. (cur.) Ferraris di Celle G. (cur.)
Gustavo Rol. La coscienza del sublime. L'incontro con la poetessa Elda Trolli Ferraris
libro di Giordano M. L. (cur.)  Ferraris di Celle G. (cur.) 
edizioni L'Età dell'Acquario collana Uomini storia e misteri;
consegna in 24 ore
€ 19,00

-15%

Notturno libro di D'Annunzio Gabriele
Notturno
libro di D'Annunzio Gabriele 
edizioni Garzanti collana I grandi libri;
consegna in 24 ore
€ 10,00
€ 8,50

-15%

Addio a Berlino libro di Isherwood Christopher
Addio a Berlino
libro di Isherwood Christopher 
edizioni Adelphi collana Gli Adelphi;
consegna in 24 ore
€ 12,00
€ 10,20

-15%

Tutti i racconti. Vol. 1: 1921-1937 libro di Némirovsky Irène
Tutti i racconti. Vol. 1: 1921-1937
libro di Némirovsky Irène 
edizioni Edizioni Theoria collana Futuro anteriore;
consegna in 24 ore
€ 19,00
€ 16,15
Dubliners libro di Joyce James
Dubliners
libro di Joyce James 
edizioni Liberty collana Liberty Classics;
consegna in 24 ore
€ 7,90

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "Tempi difficili. Per questi tempi"

 
Le Recensioni degli Utenti Unilibro
"Tempi difficili. Per questi tempi"
L’incantevole prosa di Dickens
Alex Toppi, 2011-11-07
4

"Non amare Dickens è un peccato mortale: chi non lo ama non ama nemmeno il romanzo" scrive Pietro Citati. Infatti Dickens fu amato da Tolstoj e Dostoevskij, da Conrad e Joyce, da Kafka ed Henry James che, si racconta, messo in punizione dalla madre e costretto a starsene a letto, dal letto discese, discese le scale che portavano al salotto, nel salotto s’acquattò sotto il tavolo, celato in segreto mentre, zitto, ascoltava la cugina maggiore leggere il "David Copperfield". Henry James fu trascinato dal letto a sotto la tavola dalle parole di questo dispensiere d’imbrogli, da questo truffaldino onestissimo che, certo, spaccia a buon mercato sentimenti onestissimi e che non riesce mai, davvero mai, a dare ragione al Male e a chi ha torto (com’è delle favole, com’è dei racconti più cari) ma che, sia detto con merito, in quanto a capacità di racconto, d’invenzione fantastica che si chiarifica per enorme quantità di particolari minuti, non è secondo a nessuno. Tant’è che fu amato dagli scrittori suddetti quanto fu amato da un popolo, quello britannico, che accorreva all’uscita d’ogni puntata d’ogni sua storia. Non fa eccezione questo "Tempi difficili" ch’è prodigio dolcissimo, dolcissima favola nera. Una fanciulla, un padre che si fa ombra, l’educazione che ella si merita sono apparenti argomenti, scuse, puerili strumenti per fare racconto: ciò che Dickens tratta, con maestria insuperabile, è il confronto tra l’arte fantastica (ed il diritto sacrosanto ai sogni) e l’asciutta, secca, ingrigita realtà dei numeri, delle formule, di un ordine che non fa che dare ordini. Terminerà com’è giusto che termini, dopo pagine di un’incantevole prosa.