ricerca
avanzata

Luis Bunuel. la logica irridente dell'inconscio

di Tonino Repetto edito da Ente dello Spettacolo, 2008

Luis Bunuel. la logica irridente dell'inconscio: Luis Buñuel, coetaneo del XX secolo, lo ha attraversato quasi per intero Nella sua opera cinematografica, dal folgorante esordio di Un chien andalou (1929) a Quell'oscuro oggetto del desiderio (1977), l'ultimo e definitivo capitolo della sua vicenda creativa, si coniugano la componente onirica surrealista e il realismo visionario spagnolo di Goya I film realisti di Buñuel (come Las Hurdes, Nazarín, Viridiana) contengono sempre immagini surreali, i film surrealisti puri (L'âge d'or, L'angelo sterminatore), forti elementi di critica sociale Il surrealismo attraversa tutto il cinema buñueliano; emerge a tratti anche nelle produzioni di genere che il regista è costretto a girare nel suo esilio messicano When, in his last season is finally free from the constraints of production, surrealist themes of the first film Bu??uel resumes and, shaping them differently, puts them into those extraordinary picaresque tales which is entitled: Bella di giorno (1967), the milky way (1969), Tristana (1970), the discreet charm of the bourgeoisie (1972), the Phantom of liberty (1974)

Informazioni bibliografiche del Libro

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "Luis Bunuel. la logica irridente dell'inconscio"

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "Luis Bunuel. la logica irridente dell'inconscio"