ricerca
avanzata

La solitudine del morente

di Norbert Elias edito da Il Mulino, 2011

La solitudine del morente: L'isolamento del morente e la rimozione dell'idea della morte sono espressioni di quel controllo delle emozioni che, secondo Norbert Elias, caratterizza la nostra civiltà. Nelle società industriali avanzate si invecchia e si muore sempre più spesso da soli, angosciati dall'evento innominabile che si approssima. Nelle civiltà del passato, invece, in cui fortissimo era il senso di appartenenza a una comunità che trascendeva l'individuo e che gli sarebbe sopravvissuta, anche la morte poteva essere affrontata senza terrore. Scritto a quasi novant'anni, "La solitudine del morente" è nel contempo un lucido testamento spirituale e una coinvolgente riflessione sulla possibilità della "buona morte" nella nostra epoca.
The isolation of the dying and removing the idea of death are expressions of that emotional control, according to Norbert Elias, characterizes our civilization. In advanced industrial societies are aging and dying alone, increasingly distressed by the event unmentionable approximating. In the civilizations of the past, however, that strong was the feeling of belonging to a community that transcended the individual and that he would survive, even death could be addressed without terror. Written in almost 90 years old, "the loneliness of the dying" is both a lucid spiritual Testament and an exciting reflection on the possibility of the "good death" in our time.

Informazioni bibliografiche

 
I Commenti degli Utenti
"La solitudine del morente"
LA SOLITUDINE DEL MORENTE
Redazione Unilibro, 2005-01-01
5

L'isolamento del morente e la rimozione dell'idea della morte sono espressioni di quel controllo delle emozioni che, secondo Norbert Elias, caratterizza la nostra civiltà. Nelle società industriali avanzate si invecchia e si muore sempre più spesso da soli, angosciati dall'evento innominabile che si approssima. Nelle civiltà del passato, invece, in cui fortissimo era il senso di appartenenza a una comunità che trascendeva l'individuo e che gli sarebbe sopravvissuta, anche la morte poteva essere affrontata senza terrore.